News

In una carta a disposizione dei turisti i 32 itinerari della Gerusalemme Verde

Sabato 7 dicembre alle ore 19.00 presso il Centro Visite alla Torre Julia de Jacopo ci sarà la presentazione ufficiale della Carta degli itinerari turistici sul territorio comunale.

L’iniziativa rientra nel progetto “La Gerusalemme Verde”, attuato dalla rete di imprese “Porta Francigena” in collaborazione con il Comune di Acquapendente.

Hanno contribuito alla realizzazione del progetto anche la Riserva Naturale di Monte Rufeno e la cooperativa L’Ape Regina.

Gli itinerari individuati dalla carta sono gli stessi che sono riportati sul portale turistico acquapendente.online, da cui è possibile scaricare anche le tracce GPS di ogni singolo percorso.

È sembrato opportuno fornire agli utenti anche un prodotto cartaceo, per agevolare la fruibilità degli itinerari e per dare un quadro completo di tutta l’offerta.

La carta è realizzata in scala 1:20.000 ed ha come base la Carta Tecnica Regionale della Regione Lazio.

Vengono individuati 32 itinerari di diverso tipo e con vari livelli di difficoltà, percorribili a piedi, in bicicletta o a cavallo.

È una rete di percorsi che copre l’intero comune, ad uso anche degli ospiti delle strutture ricettive presenti in varie zone del territorio.

La carta, essendo stata realizzata con un finanziamento della Regione Lazio, nella sua prima edizione sarà distribuita ai turisti gratuitamente, ma con una particolare accortezza verso le persone effettivamente interessate, perché si tratta comunque di un elaborato grafico e cartografico di un certo valore.

Sarà possibile reperirla, oltre che nei punti di informazione turistica, presso le strutture ricettive ed in alcuni esercizi commerciali, secondo un sistema di distribuzione che garantisca efficienza ma che non porti allo spreco della risorsa.

I turisti sono sempre più interessati a questo modo di scoprire i luoghi che visitano, sia percorrendo lunghi itinerari come la Francigena, sia attraverso percorsi circolari da percorrere in poche ore. Abbiamo così la possibilità di far apprezzare il nostro ambiente e il nostro paesaggio.

È un’iniziativa che è coerente con il progetto “La Gerusalemme Verde” e che lo completa, perché Acquapendente è luogo di pellegrinaggio sulla Francigena per la presenza del sacello del Santo Sepolcro, ma è anche un luogo “verde” per il suo territorio in larga parte incontaminato.

La Carta degli itinerari mette in relazione le due parole (Gerusalemme e Verde) che compongono il claim che sintetizza il significato dell’intero progetto ed è l’ultimo tassello che compone il puzzle.

Una parte importante e qualificante della nostra offerta turistica. Non rimane che farla conoscere.

Programma Feste Natalizie 2019

Domenica 1 dicembre

Museo del Fiore – Torre Alfina

ore 14.00: Con Babbo Natale… la scienza al Museo del Fiore!

Teatro Boni

ore 17.30: “Souvenir la fantasiosa vita di Florence Foster Jenkins”, con Francesca Reggiani, Claudio Bigagli e con Franesco Leineri

Martedì 3 dicembre

Teatro Boni

ore 17.30:Spettacolo per la giornata mondiale dei diversamente abili

Sabato 7 dicembre

Centro Visite Torre Julia de Jacopo

ore 19:00: Presentazione delle mappe escursionistiche realizzate dalla Rete di Imprese Porta Francigena, in collaborazione con la Riserva Naturale di Monte Rufeno, nell’ambito della costruzione del portale Acquapendente.online

Domenica 8 dicembre

Chiostro di San Francesco

ore 10:00 – 13:00/ 15:00 – 18:00: Apertura straordinaria della Pinacoteca

Piazza G. Fabrizio

ore 11.30: Apertura stand enogastronomici

                 Apertura della casetta di Babbo Natale

ore 15.00: Sfilata dei trampolieri e arrivo in piazza di Babbo Natale

ore 15.00 – 18.00: Elfi truccabimbi e baloon art presso la Casa di Babbo Natale

ore 15.30: Spettacolo di danza aerea

ore 17.00: Spettacolo del fuoco

ore 17.30: accensione dell’albero presso p.zza G. Fabrizio

ore 17.30: concerto del corso di Musica di Insieme della Scuola Comunale di Musica

Lunedì 9 dicembre e Martedì 10 dicembre

Teatro Boni

ore 9.00: “Chi ha incastrato Babbo Natale?” – Matinée

 rivolto agli studenti delle scuole

Venerdì 13 dicembre

Teatro Boni

ore 21.15:Rassegna Corale Natalizia “D’Oro e d’Argento”

Domenica 15 dicembre

Piazza G. Fabrizio – Sala Bigerna

ore 16.30: Spettacolo di Natale “Anche a te e famiglia!”, a cura dell’Associazione Psikè e delle Compagnie teatrali “Gli Sfacciati” e “Retropalco”

Teatro Boni

ore 17.30: “Underdogs e Superman di Enrico Maria Falcioni, con Ettore Falzetti, Ramona Gargano, Patrizio De Paolis, Barbara Russo, Andrea Standardi

Giovedì 19 dicembre 

Piazza G. Fabrizio

ore 18.00:Spettacolo di Natale della Scuola Primaria di Acquapendente

Venerdì 20 dicembre –

Via Roma, 24

ore 18.00: “Io vesto Kairos 2.0 Ri-abitiamo gli spazi” Evento organizzato da Officine Kairos

Teatro Boni

ore 21.15:Concerto di Natale della Scuola Comunale di Musica e della Banda Comunale Città di Acquapendente -Torre Alfina, con la partecipazione delle Majorettes Città di Acquapendente

Domenica 22 dicembre

Piazza G. Fabrizio

ore 11.30: Apertura stand enogastronomici

                Apertura della casetta di Babbo Natale

ore 15.00: Sfilata di Babbo Natale per le vie cittadine e arrivo in piazza

ore 15.00 – 18.00: Spettacolo di magia presso la Casa di Babbo Natale

ore 15.30 Spettacolo in waterball

ore 16.30: Spettacolo di danza aerea con fuoco

ore 17.00: Esibizione delle Muse del Diavolo

Teatro Boni

ore 17.30 :Il brutto anatroccolo” Compagnia Atacama, con Stefania Di Donato, Valeria Loprieno, Cristina Meloro, Marco Cappa Spina

Giovedì 26 dicembre

Teatro Boni

ore 17.30:Concerto di Natale dei cori Vox Antiqua di Acquapendente e S.S. Salvatore di Bolsena

Martedì 31 dicembre

Chiostro di San Francesco

ore 10:00 – 13:00: Apertura straordinaria della Pinacoteca

MUSEO DEL FIORE

Apertura: sabato e domenica: 10:00 – 16:00

Mostra:
“COLLEZIONI A VISTA”, ciclo di mostre dedicate alle varie collezioni del Museo del Fiore. Ancora in esposizione, “Vertebrati a 4 zampe”, realizzata in collaborazione con le naturaliste della Riserva Naturale Monte Rufeno, dott.sse Antonella Palombi e Moica Piazzai.

MUSEO DELLA CITTA’

Mostre:

CROMOSYNTHESIS, presso Palazzo Vescovile (via Roma, 35)

Opere a Spatola Stratigrafica personale del M° Mario Salvo

Sindrome di Stendhal, presso le tre sedi museali (Palazzo Vescovile, Chiostro di San Francesco e Torre Julia De Jacopo)

A cura di Andrea Alessi, opere di Tommaso Cascella, Lidia Bachis e Chiara Tommasi

Apertura Palazzo Vescovile: sabato e domenica (8 dicembre escluso): 10:00 – 13:00/15:00 – 18:00

Apertura Torre Julia De Jacopo: dal martedì alla domenica: 9:00 – 13:00; sabato: 9:00 – 13:00/16:00 – 19:00

Apertura Pinacoteca – Chiostro di San Francesco: 8 dicembre ore 10:00 – 13:00/ 15:00 – 18:00, 31 dicembre ore 10:00 – 13:00

Per informazioni e prenotazioni:

Cooperativa L’Ape Regina

Tel: 0763-730246 – 388-8568841

e-mail: eventi@laperegina.it

Durante le giornate dell’8 e del 22 dicembre, nelle attività commerciali del Centro Storico, si ripeterà l’iniziativa Aquesio Sbottega, a cura dell’Associazione di Commercianti Aquesio al Centro

I primi risultati della sottoscrizione per l’Ospedale di Acquapendente

La qualità si fa anche con piccole cose pratiche. Con questo spirito, un po’ insolito per il suo ruolo di medico e coordinatore clinico, il dottor Remo Brenci ha pensato di organizzare una sottoscrizione per alcuni lavori di manutenzione e di riqualificazione degli spazi dell’Ospedale di Acquapendente.

Il nostro Comune ha subito sostenuto l’iniziativa, dando un contributo e mettendo a disposizione il proprio personale, ma la risposta più bella c’è stata da parte di alcune imprese locali e di privati cittadini che hanno aiutato in vario modo.

Su questa operazione è stata coinvolta anche la scuola ed alcune associazioni.

Poi si è estesa anche agli altri Comuni.

È stato realizzato così uno spazio ricreativo per i degenti, che prima non c’era. Una stanza con sedie, tavoli, TV, per favorire lo svago e la socializzazione.

la saletta ricreativa

Sono stati poi ritinteggiati il vano scala, alcuni corridoi ed alcuni stanzini di servizio. Si è intervenuti poi anche sui pavimenti e sulle rampe, nei tratti che presentavano una maggiore usura.

Insomma con poche migliaia di euro e con materiali, attrezzature ed oggetti donati, in poco tempo sono stati migliorati alcuni ambienti, dal lato visivo, igienico e funzionale.

A questo punto sono doverosi i ringraziamenti a partire dalla ASL di Viterbo, che ha autorizzato i lavori ed appoggiato l’iniziativa.

Si ringrazia inoltre l’Istituto Omnicomprensivo Leonardo Da Vinci.

Oltre al Comune di Acquapendente hanno finora dato il proprio sostegno economico i Comuni di Bolsena, Castel Giorgio, Gradoli, Grotte di Castro, Ischia di Castro, Latera, Proceno e San Lorenzo Nuovo.

Un ringraziamento particolare va alle imprese Burchielli Edilizia, Euronics, Supermercato Di Più, BAMA ceramiche, Rud Arredamenti, CCORAV e ad alcuni privati cittadini che hanno contribuito in vario modo.

Un ruolo importante l’ha avuto l’associazione La Rosa d’Oro, che ha devoluto l’incasso della partita tra la Nazionale Italiana Poeti e i gruppi dei Pugnaloni.

Fondamentale è stato e rimane l’impegno dell’AVIS di Acquapendente, il cui presidente Emilio Bandiera ha anche attivato l’AVIS dei comuni limitrofi, garantendo così l’efficienza e la trasparenza della raccolta dei fondi.

La sottoscrizione proseguirà anche nei prossimi mesi perché ci sono in programma altri lavori.

È una forma di “cittadinanza attiva” a sostegno dei servizi sanitari sul territorio che può portare ad altri risultati tangibili, che non si sostituisce ai doveri delle istituzioni preposte ma che rappresenta un qualcosa in più, alimentando uno spirito positivo e costruttivo verso il bene comune.

Perciò, anche per il futuro, chiunque voglia contribuire e partecipare attivamente è benvenuto.

Lettera del Sindaco di Acquapendente sulla situazione dell’Ospedale

In seguito ad una reiterata campagna stampa sull’Ospedale di Acquapendente, il Sindaco Angelo Ghinassi ha ritenuto opportuno scrivere questa lettera ai Sindaci del territorio, alla ASL e alle persone in indirizzo.

Si stanno anche valutando azioni di denuncia/querela riguardanti la diffusione di notizie a mezzo stampa o via social network, sia per procurato allarme, sia in tutti i casi (anche attraverso commenti social), in cui l’onorabilità dell’Amministrazione Comunale, e di chi la rappresenta, siano state denigrate o calunniate.

Ai Sindaci dei Comuni di
Bolsena
Gradoli
Grotte di Castro
Latera
Onano
Proceno
San Lorenzo Nuovo
E, p.c.
Al Direttore Generale della ASL di Viterbo
Al Direttore UOC Medicina e Pronto soccorso Ospedale di Acquapendente

Oggetto: Situazione Ospedale di Acquapendente

In riferimento alle recenti notizie di stampa che hanno riguardato l’Ospedale di Acquapendente e, in particolare, l’allarme sulla presunta decisione, da parte della Asl di Viterbo, di sopprimere il servizio di guardia anestesiologica notturna presso il suddetto ospedale, ritengo doveroso fornirvi le informazioni al momento in mio possesso.

L’Azienda sanitaria non ha mai comunicato la soppressione del servizio in oggetto ma ha rappresentato l’esigenza di mettere in campo nuove misure organizzative più idonee a garantire la continuità del servizio.

Inoltre, non è mai stata messa in discussione l’operatività dell’Ospedale aquesiano, classificato di Zona disagiata, né tantomeno l’esistenza del Pronto Soccorso.

Viceversa, sono a conoscenza di azioni programmatiche, anche di breve termine, tese a migliorare l’operatività della struttura, attraverso l’incentivazione delle attività ambulatoriali e dei percorsi terapeutici sia diagnostici che assistenziali, la realizzazione del progetto di farmacia di continuità, e la realizzazione di interventi per la reale integrazione tra l’Ospedale e i servizi territoriali, agevolata tra l’altro dalla dimensione e dalle potenzialità della struttura.

Tuttavia, permangono rilevanti criticità in merito a:

  • Carenza di personale medico, infermieristico e ausiliario, per la quale ci attendiamo un preciso piano di gestione del turn over da parte dell’Azienda;
  • Difficoltà a sviluppare appieno percorsi terapeutici PAC, APA, PDTA, per la carenza di personale medico, soprattutto nel reparto Radiologia;
  • Carenza manutentiva della struttura, soprattutto per la componente edile (pavimenti, finestre, pareti, ecc.). Su questo aspetto i recenti interventi dei nostri Comuni hanno permesso l’avvio di alcune manutenzioni che migliorano la funzionalità e il decoro della struttura, ma ancora molto rimane da fare.

Un significativo punto di forza dell’Ospedale è rappresentato dalla professionalità e disponibilità del personale che ha permesso di garantire, nonostante le carenze suddette, tutti i servizi anche al di fuori della unità operativa di appartenenza. A questo proposito giova sottolineare l’impegno dell’attuale Direttore di Medicina Generale e Coordinatore Clinico, Dott. Remo Brenci, che con il suo operato ha garantito un flusso rilevante e costante di pazienti e una buona qualità della degenza nel reparto di Medicina.

Per quanto mi riguarda, garantisco il massimo livello di attenzione riguardo la situazione della nostra struttura ospedaliera, anche grazie alla piena collaborazione sia con il Direttore di Medicina Generale e Coordinatore Clinico che con il Direttore Generale della ASL di Viterbo.

Sarà mia cura tenervi costantemente informati circa l’evolversi della situazione.

Un caro saluto.
Angelo Ghinassi

CROMOSINTESI, la mostra di Mario Salvo aperta fino al 31 dicembre al Museo della Città

Il 9 novembre è stata inaugurata al Museo della Città, Civico e Diocesano, la personale del Maestro di spatola Mario Salvo, alla presenza dell’artista, del direttore del Museo Andrea Alessi e dell’architetto Renzo Chiovelli.
Per l’Amministrazione Comunale era presente l’assessore Valeria Zannoni.

L’esposizione, che rappresenta il culmine della sua ricerca personale, celebra il colore nella sua intensità e nella sua corposità, dando il giusto rilievo alla spatola, strumento difficile da utilizzare ma estremamente versatile nelle mani dell’artista esperto.

La mostra sarà visibile sino al 31 dicembre.

L’artista inoltre si è reso disponibile per dei laboratori aperti con le scuole del territorio, per avvicinare i giovani a questa tecnica pittorica poco conosciuta ma di grande effetto e molto affascinante.

 Per informazioni: Coop L’Ape Regina 0763-730065 – 388.8568841
eventi@laperegina.it 

7 anni fa l’esondazione del fiume Paglia. Il Sindaco scrive al Ministro delle Infrastrutture

Il 12 novembre 2012 l’esondazione del fiume Paglia provocò ad Orvieto una grave alluvione e sul nostro territorio la piena distrusse il ponte pedonale ricostruito sulle rovine dello storico ponte Cahen.

A sette anni da quella data nulla è stato fatto per prevenire altre esondazioni ed altri danni.

Il regime del fiume rappresenta ancora un pericolo, anche in considerazione delle variazioni meteorologiche causate dai cambiamenti climatici.

Dopo quella data si riaprì la discussione su come intervenire per limitare il rischio idrogeologico.

Ci fu chi incautamente ripropose un vecchio progetto per costruire una grande diga sul Paglia, proposta che il nostro Comune ha sempre contrastato per il suo impatto ambientale in una zona di grande valore ambientale e paesaggistico.

Parallelamente, attraverso il Contratto di Fiume, a cui partecipano tutti gli enti della parte laziale ed umbra del bacino del Paglia, è stata formulata un’ipotesi alternativa che risolve la problematica idrogeologica con una serie di interventi più piccoli e di minore impatto.

Noi sosteniamo questa proposta, che alcuni mesi fa ha già avuto l’apprezzamento del Ministero delle Infrastrutture.

Il Sindaco di Acquapendente, nell’ambito di una iniziativa congiunta dei partecipanti al Contratto di Fiume, ha inviato una lettera al Ministro, che si riporta integralmente.

Al Ministro delle Infrastrutture
On. Dott.ssa Paola De Micheli

Oggetto: Sistema di invasi diretto a mitigare il rischio idrogeologico del fiume Paglia

Gentilissima On. Dott.ssa Paola De Micheli,

sono trascorsi ormai quasi quattro mesi dal Comunicato Stampa Ufficiale del Ministero delle Infrastrutture del 10 luglio 2019 dove si annunciava l’avvio della procedura di dibattito pubblico su un sistema di invasi diretto a mitigare il rischio idrogeologico del fiume Paglia.

Le chiedo pochi minuti per rileggere alcuni frammenti di quel comunicato ufficiale:

Si tratta della prima volta che in Italia trova applicazione la nuova normativa sul “débat public”, previsto dal codice degli appalti, sulla realizzazione di invasi.

Lo studio di fattibilità tecnico economica sull’opera è stato finanziato per 2,4 milioni di euro dal primo stralcio del Piano nazionale invasi, e permetterà ai Comuni e ai cittadini interessati dall’intervento di valutare le diverse opzioni possibili, compresa quella di non attuare nessuna iniziativa se il costo ambientale dovesse risultare più elevato dei benefici previsti.

Il processo di dibattito pubblico su questa iniziativa è iniziato proprio oggi con un workshop ad Orvieto che ha permesso di mettere in luce le diverse esigenze della popolazione e degli addetti ai lavori, comprese quelle che riguardano la sicurezza del territorio, la qualità delle acque e lo sviluppo locale.

Il sistema di invasi che sarà oggetto dello studio di fattibilità sarà infatti destinato ad una pluralità di usi comprendenti la mitigazione del rischio idrogeologico, l’approvvigionamento di risorsa idrica in caso di siccità, le misure per conservare la qualità naturalistica dell’asta fluviale e della biodiversità nonché la produzione di energia idroelettrica a favore del territorio interessato dall’opera.

Beneficiaria del finanziamento è l’Autorità di bacino dell’Appennino centrale, ente pubblico in grado di contemperare i diversi interessi, compresi quelli delle popolazioni e degli stakeholders coinvolti e delle amministrazioni che, a diverso titolo e livello, dovranno intervenire sul progetto: il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, le Regioni Toscana, Umbria, Lazio, i 16 Comuni del bacino del Paglia. Alla base dell’avvio del percorso di dibattito pubblico è stato preso in considerazione l’esito del processo di concertazione già avviato dal Contratto di Fiume per il Paglia il cui comune capofila è la città di Orvieto che ha ospitato l’evento di oggi”.

Questo progetto, a differenza di quello precedentemente prospettato che prevedeva la realizzazione di un’unica diga sul fiume Paglia, di notevole impatto ambientale su un territorio di grande valenza naturalistica e paesaggistica, riscuote il consenso degli enti locali e della popolazione e con minori costi risolve il problema del rischio idrogeologico, oltre a determinare gli altri vantaggi riconosciuti.

Vorremmo perciò conoscere le intenzioni del Governo di cui fa parte in merito all’iniziativa, sollecitando la sua realizzazione.

In seguito ai cambiamenti climatici le precipitazioni meteorologiche sono diventate più minacciose e già in passato le piene del fiume hanno determinato allagamenti, soprattutto sul territorio del medio e basso bacino.

Il fiume Paglia poi è uno dei principali affluenti del Tevere e la mancata regimentazione delle sue acque pone problemi idrogeologici anche più a valle, fino a coinvolgere la stessa città di Roma.

Per queste ragioni crediamo che la realizzazione di queste opere rivesta caratteristiche di urgenza, oltre che di necessità, e per questo Le chiedo una sua cortese risposta.

Con i migliori saluti,
Il Sindaco di Acquapendente
Dott. Angelo Ghinassi

Slow Film Fest 5.0: dal 25 al 27 ottobre ad Acquapendente

Ultima tappa dello Slow Film Fest 5.0. Dopo Roma e Antrodoco, lo Slow Film Fest è pronto a sbarcare ad Acquapendente.

Appuntamento dal 25 al 27 ottobre al Cinema Olympia con la quinta edizione della prima kermesse interamente dedicata ad una visione cinematografica “slow”. Un evento che punta all’aggregazione e al confronto, non ad una semplice visione passiva, ad un “rallentamento” che è alla base del ritrovarsi e dell’incontro. Al centro della manifestazione, organizzata da Maria Luisa Celani e Susanna Stivali per l’Associazione Culturale Muovileidee e diretta da Maria Luisa Celani (con la collaborazione alla programmazione di Florencia Santucho, Ilaria Iovine e Cristina Borsatti), le immagini (proiezioni di documentari e cortometraggi) e i temi, ma anche passeggiate tra storia e cultura, escursioni, degustazioni, incontri e matinée con le scuole.

Quanto ai temi, il principale protagonista sarà l’ambiente. I cambiamenti climatici e la sostenibilità ambientale, soprattutto grazie alla proiezione di “Youth Unstoppable”, una straordinaria fotografia della nascita dei movimenti giovanili mondiali ambientalisti.

Realizzato dalla giovane regista esordiente Slater Jewell-Kemker, che all’età di soli 15 anni ha iniziato a partecipare ai summit ambientali con la sua macchina fotografica in mano, il pluripremiato documentario “Youth Unstoppable”, racconta un movimento giovanile mondiale in gran parte sconosciuto e incompreso (il Globe Youth Climate Movement). Un documentario di strettissima attualità che mette in primo piano le nuove generazioni, che reclamano soluzioni immediate e decisive per combattere il cambiamento climatico. Un reportage, intimo e appassionato, una testimonianza diretta della crescita di un movimento senza precedenti, un ritratto coinvolgente che racconta la lotta e le strategie di una gioventù consapevole del poco tempo a disposizione, dell’eredità di politiche economiche dannose, dettate dall’interesse di pochi, e che non è affatto disposta ad assistere nella frustrazione alla deriva del proprio futuro.

Immagini di un pianeta in crisi si alternano alle voci di giovani provenienti da tutto il mondo che si battono per un futuro verde e sostenibile, troppo giovani per poter votare, vittime di un mondo plasmato da decisioni prese da altri.

Occasione per coinvolgere i ragazzi dell’ Istituto Omnicomprensivo Leonardo Da Vinci di Acquapendente in un progetto intitolato Instant: il mio territorio e dedicato all’ambiente. Gli studenti e le studentesse coinvolte potranno realizzare una foto o un video della durata massima di 1minuto con tema ambientale. I lavori saranno raccolti nel mese di dicembre 2019 per essere visionati e montati in un unico video che sarà pubblicato on-line sul canale YouTube del festival e presentato all’interno delle scuole.

Dedicato al medesimo tema anche il documentario “Veleno – “Non potevo fare finta di niente”: la vittoria di Michele Liguori”, opera prima della napoletana Rosaria Della Ragione, documentario prodotto dalla CGIL Campania e dedicato a Michele Liguori, tenente dei Vigili Urbani di Acerra, riconosciuto vittima del dovere ed Eroe della Terra dei Fuochi.

Un omaggio, ma anche un film di denuncia, a cui la giovane regista di Bacoli (in provincia di Napoli) aggiunge il cuore, perché la storia che sta raccontando e la terra che sta filmando sono parte anche della sua vita.

E se “Anche i pesci piangono” di Francesco Cabras e Alberto Molinari è un ritratto avvincente su come sia ancora possibile tutelare gli ambienti marini e le risorse umane dipendenti da esso, “La finestra sul porcile” di Salvo Manzone ci porta a Palermo e in un’altra discarica abusiva, per compiere un’indagine sull’emergenza rifiuti e sui meccanismi della raccolta differenziata nel territorio. Una profonda riflessione sul nostro rapporto con le cose, diventate oggetti di consumo, e sull’accumulo della produzione di spazzatura come risultato delle nostre azioni, oltre che della cattiva gestione.

Il 26 ottobre, è prevista una tavola rotonda dal titolo L’agricoltura sociale, quando la terra è solidale, a cura di Legacoop Lazio. Interverranno Massimo Pelosi, Responsabile Lazio Nord di Legacoop Lazio, Ilaria Signoriello, Forum Nazionale Agricoltura Sociale, Luigia Melaragni, Presidente Gal Alto Lazio, Alberto Caldarelli, Direttore Gal Alto Lazio. Durante l’incontro sarà proiettato il corto “Questo è lavoro” diretto da Federico Caponero e prodotto dal Consorzio Parsival. Una storia che racconta il mondo cooperativo.

Sono tante le donne dietro la macchina da presa in questa quinta edizione dello Slow Film Fest, che dedica un’intera sezione (Wuman Visions) a quei documentari e quei cortometraggi d’animazione, di produzione nazionale e internazionale, che affrontano l’importante tematica della parità di genere.

Al Cinema Olympia, dove avranno luogo incontri e proiezioni, verranno proiettati anche il pluripremiato cortometraggio colombiano “Naranja” di Hanna Isua e il lavoro collettivo “En Boca di Todas”, entrambi dedicati ai temi della violenza contro le donne e all’uguaglianza di genere.

A conclusione della kermesse, domenica 27 ottobre, l’appuntamento è con la scoperta del territorio, attraverso una passeggiata, a cura della Coop Laperegina. La prenotazione è obbligatoria (scrivendo a info@muovileidee.it) e il titolo dell’iniziativa è Passeggiata nel bosco del Sasseto. Occasione per andare alla scoperta del Bosco Monumentale del Sasseto ai piedi del Castello di Torre Alfina.

Slow Film Fest è interamente a partecipazione gratuita, grazie al contributo della Regione Lazio, al sostegno della Fondazione Cinema per Roma, City Fest, Cna Roma, i Patrocini di Legacoop Lazio, del Comune di Acquapendente, del Comune di Antrodoco e alle tante preziose collaborazioni a partire da quelle con l’Accademia di Cinema e Televisione Griffith di Roma e con il Cisterna Film Festival.

Questo il programma nel dettaglio:

25/10 CINEMA OLYMPIA ore 10
SEZIONE MATINEE
proiezione documentario YOUTH UNSTOPPABLE di Slater Jewell-Kemker e lancio iniziativa Instant: il mio territorio che prevede il coinvolgimento degli studenti e delle studentesse dell’Istituto onnicomprensivo Leonardo Da Vinci di Acquapendente (Liceo scientifico e Istituto tecnico).

Instant: il mio territorio, gli studenti e le studentesse coinvolte potranno realizzare una foto o un video della durata massima di 1minuto con tema ambientale. I lavori saranno raccolti nel mese di dicembre 2019 per essere visionati e montati in un’unica video che sarà pubblicato on-line sul canale YouTube del festival e presentato all’interno delle scuole.

ore 18:30
proiezioni
SEZIONE WUMAN VISION

NARANJA di Hanna Isua – cortometraggio di animazione 4’42”

EN BOCA DI TODAS Lavoro Collettivo – cortometraggio di animazione 4’28”

ore 19
SEZIONE SMART
BREAK di Riccardo Pavone cortometraggio di animazione 2’45”

SEZIONE DOCUMENTA
ANCHE I PESCI PIANGONO di F. Cabras & A. Molinari – documentario 33’

26/10 CINEMA OLYMPIA ore 17
TAVOLA ROTONDA
L’agricoltura sociale, quando la terra è solidale

ore 18:30
SEZIONE DOCUMENTA
in collaborazione con l’Accademia di Cinema e Televisione Griffith
VELENO di Rosaria Della Ragione – documentario 15’

ore 19
SEZIONE DOCUMENTA
LA FINESTRA SUL PORCILE di Salvo Manzone – documentario 68’

27/10 PASSEGGIATA a cura della Coop Laperegina
ore 10:30 (durata della passeggiata massimo 1h30min.)

PASSEGGIATA NEL BOSCO DEL SASSETO
Il Bosco monumentale del Sasseto ai piedi del Castello di Torre Alfina offre ai suoi visitatori un’atmosfera unica e quasi incantata, con i suoi sentieri estesi tra massi e rocce di tutte le dimensioni ed i suoi maestosi alberi secolari. Questa simbiosi tra natura e geologia fa del Sasseto un luogo magico, un bosco da rispettare e conservare per le future generazioni. Prenotazione obbligatoria scrivendo a info@muovileidee.it.

Il Comune di Acquapendente dichiara l’emergenza climatica

Dopo la lettera inviata al Sindaco da Francesco Barberini, la delibera presa dal Consiglio dei Giovani il 10 settembre e la discussione avvenuta nella Commissione Ambiente, nella seduta del 18 ottobre 2019 il Consiglio Comunale di Acquapendente ha deliberato, con consenso unanime, la Dichiarazione di emergenza climatica ed ambientale.

La Dichiarazione non è un atto puramente formale ma contiene una serie di impegni che si dovranno concretizzare nell’attività amministrativa.

Questo il testo della Dichiarazione:

PREMESSO CHE
– Il 15 marzo e il 24 maggio 2019 si è tenuto lo Sciopero Globale per il Futuro, giornata di mobilitazione mondiale contro i cambiamenti climatici, promossa dal movimento Fridays For Future, che ha visto la mobilitazione di milioni di persone nel mondo.
– I Governi non hanno fatto e non stanno facendo abbastanza per contrastare i cambiamenti climatici in corso, mentre questi dovrebbero essere la priorità dell’agenda politica delle istituzioni che governano questo Paese.
– Per riconvertire ecologicamente la nostra economia occorre la partecipazione di tutti.
– Ognuno di noi deve accettare di modificare alcune abitudini per non doverle poi modificare tutte, perché i cambiamenti climatici, se non debitamente affrontati, porteranno ad un mondo poco ospitale per l’uomo.
– Dobbiamo attenerci al concetto di Giustizia Climatica, partendo dal paradosso che i Paesi più colpiti da catastrofi ambientali siano quelli in via di sviluppo, mentre le energie fossili sono state consumate principalmente dalle nazioni industrializzate e che queste ultime ora devono contribuire ad aiutare i Paesi più poveri.

CONSIDERATO CHE
– L’Accordo di Parigi del 2015 sul clima, sottoscritto da 192 Nazioni tra cui l’Italia, impegna gli Enti Territoriali a porre in essere tutte le misure per contrastare il surriscaldamento del Pianeta ed in particolare a:
1) intensificare i loro sforzi e sostenere le iniziative volte a ridurre le emissioni;
2) costruire resilienza e ridurre la vulnerabilità agli effetti negativi dei cambiamenti climatici.
– Senza azioni immediate, concrete e risolutive, le emissioni di CO2 e degli altri gas climalteranti provocheranno un aumento della temperatura globale superiore ai 3 gradi centigradi entro il 2100, con effetti devastanti sull’ecosistema terrestre e sulla specie umana.

VISTO
– L’ultimo rapporto dell’IPCC (intergovernment Panel of Climate Change) secondo cui l’umanità ha tempo solo fino al 2030 per limitare l’incremento – pur sempre dannoso – di temperatura a 1,5 gradi, ed evitare danni irreversibili al pianeta.

DATO ATTO CHE
– Il Comune di Acquapendente già lavora con efficacia in questa direzione attraverso:
1) La raccolta differenziata dei rifiuti urbani che ha raggiunto il 72% nell’anno 2018
2) L’avvio del progetto per l’installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici
3) L’avvio sperimentale del divieto dell’uso di plastica usa e getta nelle manifestazioni pubbliche
4) La predisposizione e realizzazione di progetti di efficientamento energetico degli edifici comunali
5) La predisposizione e realizzazione del progetto di riqualificazione e ottimizzazione della pubblica illuminazione dell’intero territorio comunale

ALTRESÌ RICONOSCIUTO CHE
– Per limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi è necessaria (come ci chiedono gli scienziati) una riduzione delle emissioni molto maggiore a quella oggi prevista (meno 45% di emissioni di CO2 al 2030 e zero emissioni al 2050).

IMPEGNA IL SINDACO
– A dichiarare lo Stato di Emergenza Climatica e Ambientale

E IMPEGNA LA GIUNTA
– A predisporre entro 6 mesi iniziative che vadano nella direzione delle considerazioni fatte sopra, in particolare per:
1) Adesione al Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia
2) Redazione del PAESC (Piano d’azione energia e clima) per lo sviluppo di fonti energetiche rinnovabili e per la riduzione di emissioni di CO2
3) Ulteriore miglioramento della raccolta differenziata (obiettivo di breve-medio periodo 80%)
4) Incentivazione all’uso di auto elettriche (parcheggi gratuiti e riservati nel centro storico, circolazione nelle zone ZTL, ecc.)
5) Eliminazione totale della plastica usa e getta nell’ambito delle manifestazioni pubbliche
6) Piantare un albero per ogni bambino che nasce
7) Piano per incentivare il risparmio energetico nei settori della pianificazione urbana, nella mobilità, negli edifici, nel riscaldamento e raffreddamento
8) Graduale sostituzione dei mezzi scuolabus con veicoli elettrici o a metano

IL SINDACO, LA GIUNTA E IL CONSIGLIO SI IMPEGNANO POI
– A intensificare il coinvolgimento attivo di cittadini e associazioni nel processo di individuazione delle criticità ambientali e nella loro risoluzione
– A farsi parte attiva presso il Governo e la Regione perché prendano provvedimenti analoghi.

Un importante traguardo: ottenuto l’accreditamento per la R.S.A. San Giuseppe

Una bella notizia per la popolazione di Acquapendente e del territorio circostante.

Il 1 ottobre il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha firmato il decreto di accreditamento istituzionale della RSA San Giuseppe.

Il riconoscimento della Residenza Sanitaria Assistita (RSA) assicura alla struttura le risorse necessarie per operare in riferimento ai reali bisogni, offrendo un servizio anche di tipo sanitario.

Con questo atto si raggiunge un’obiettivo che viene perseguito da anni dal Comune e dall’IPAB e che pone le basi per il rilancio e la riqualificazione di una struttura a cui la popolazione tiene molto e che ha sempre garantito un servizio sociale essenziale per il territorio.

È una buona notizia anche per l’economia locale, perché il salvataggio e la trasformazione della struttura è importante per l’occupazione di un buon numero di addetti e per la loro qualificazione professionale, in un quadro che garantisce maggiori certezze ai lavoratori e all’impresa che gestisce il servizio.

Ringraziamo il Presidente Zingaretti per la serietà che ha dimostrato, mantenendo gli impegni presi personalmente.
Un ringraziamento anche alle le strutture organizzative della Regione per la fattiva collaborazione, che ha permesso il raggiungimento di questo importante traguardo, a partire dal Capo di Gabinetto dott. Albino Ruberti e dal Direttore generale della ASL, dott.ssa Daniela Donetti, oltre a tutte le persone che a vario titolo hanno contribuito a questa realizzazione.

Saranno tutti invitati alla cerimonia pubblica e ufficiale di inaugurazione della RSA San Giuseppe che abbiamo in programma di realizzare ad Acquapendente prossimamente.

Angelo Ghinassi
Sindaco di Acquapendente