Cultura

Un film e un libro per gli studenti nella Giornata della Memoria

In occasione della Giornata della Memoria, lunedì 27 gennaio 2020, il Comune di Acquapendente, l’Istituto Scolastico Omnicomprensivo “Leonardo Da Vinci” e la cooperativa L’Ape Regina, proporranno un’iniziativa dedicata agli studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado. 

L’evento si svolgerà la mattina al Cinema Olympia con la proiezione di un film di animazione sulla deportazione e sullo sterminio degli ebrei.

Si è scelto un film di questo tipo per destare l’attenzione anche dei ragazzi più piccoli e perché l’uso di immagini disegnate può essere meno traumatico, ma non meno coinvolgente, per ricordare una delle più grandi tragedie che l’umanità abbia conosciuto.

Sarà per tutti una giornata di riflessione su un passato che non occorre dimenticare, soprattutto oggi, che rimangono pochi superstiti a testimoniare sulle violenze subite e su quel massacro. 

Vuole essere perciò un modo per ricordare veramente quelle vicende, in modo non puramente formale, ma una vera e propria lezione di scuola.

La Shoah non è poi così lontana nel tempo e nessun luogo si è salvato da quel dramma. 

A testimonianza di questo sarà presentato dall’autore e distribuito ai ragazzi il libro “Sotto stretta sorveglianza – tracce degli ebrei internati nell’Alto Viterbese”, scritto da Antonio Quattranni, pubblicista e storico locale, oltreché insegnante, volume pubblicato da Annulli Editore.

Sarà un modo per far capire che questa folle disumanità non è stata poi così lontana e per sentirsi così più vicini, più solidali verso questa atroce sofferenza.

Tramandare questa consapevolezza è necessario perché quel pezzo di storia non si ripeta.

Sarà sempre questo il significato profondo della Giornata della Memoria.

Buona la prima! Una bella esperienza di cinema per la scuola.

Oltre 230 tra alunni e insegnanti presenti nella splendida sala del Cinema Olympia di Acquapendente per assistere agli appuntamenti gratuiti di Cinema per le Scuole “Buona la prima!” terminati venerdì 17 gennaio.

Lo scopo dell’iniziativa è stato quello di far nascere l’amore per questo straordinario strumento educativo che è il cinema, cercando di creare un legame tra il mondo della scuola e la sala cinematografica, in modo da favorire i processi di insegnamento e apprendimento.

Due gli attualissimi film proiettati, di grande successo e accattivanti per i bambini, riguardo l’area tematica CINEMA ED EMOZIONI: “La famosa invasione degli orsi in Sicilia” e “ La Famiglia Addams”.

Ospite d’onore la nota attrice Daniela Giordano che è riuscita a coinvolgere attivamente gli alunni della scuola primaria presenti in un crescente ed entusiasmante dibattito conclusivo.

Daniela Giordano

Ricordiamo che la Giordano, oltre che attrice di teatro, cinema e televisione è anche regista, ideatrice e direttrice di Festa d’Africa – Festival Internazionale delle Culture dell’Africa Contemporanea.
Diplomatasi all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica,ha iniziato una carriera teatrale diretta da grandi registi quali Luca Ronconi, Giancarlo Sepe, Giancarlo Cobelli, Gabriele Lavia.
Ha anche preso parte a molte opere cinematografiche, televisive ed a trasmissioni radiofoniche.
Ha ricevuto numerosi premi, inclusa la Maschera d’Oro come Miglior Attrice nel 1993 .
Ha vinto il premio “Grolla d’Oro” come Miglior Attrice di Fiction nel 2006.
E’ stata insignita della Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana per il Festival Festa d’Africa nel 2009.
Membro della Giuria Internazionale del XVII Festival del Cinema di Damasco, Siria-2009.
Presidente della Giuria Internazionale del XXI Festival Internazionale di Teatro Sperimentale del Cairo, Egitto-2009.
Nel 2016 è stata nominata dal Ministro della Cultura d’Egitto, Membro Permanente dell’High Committeee Of SITFY – International Theatre for Youth.

Presente Gabriella Brenci che, in qualità di Consigliere Delegato alla Pubblica Istruzione e Formazione giovanile del Comune di Acquapendente, ha ringraziato l’attrice per la presenza nella città di Acquapendente sottolineando l’alta valenza formativa del linguaggio cinematografico nelle giovani generazioni , in quanto immediato e altamente comprensibile da bambini e ragazzi di ogni età, perché più confacente ai loro stili cognitivi.

L’Amministrazione Comunale ringrazia il Dirigente Scolastico dell’I.O.L. Da Vinci per la collaborazione, le insegnanti, Anec, Regione Lazio, la Cooperativa L’Ape Regina e il presidente, Emiliano Barberini, per l’impegno mostrato e la dedizione con cui cura, ormai da svariati anni, la gestione del Cinema Olympia, autentico e storico luogo di formazione e di divulgazione della cultura cinematografica nel nostro territorio.

Tre giornate di musica al Teatro Boni

Si è conclusa ieri, 26 dicembre, nella splendida cornice del Teatro Boni di Acquapendente, la TRE GIORNI di tanta buona musica e divertimento organizzata dal Comune di Acquapendente in collaborazione con l’Associazione Te.Bo.

Iniziata il 13 dicembre con la 3^ Rassegna corale “D’Oro e D’Argento”, che ha visto avvicendarsi i cori:
di Grotte di Castro “In canto” diretto da Gianfranco Brinchi;
per San Lorenzo Nuovo il “M. Santa Rosiello” di Francesca Araceli;
per Abbadia San Salvatore il “G.P. Da Palestrina” di Stefano Pioli;
per la città di Acquapendente, il Piccolo Coro “Gold & Silver ” di Gabriella Brenci.
Tutti in splendida armonia, hanno eseguito brani della tradizione natalizia entusiasmando tutto il pubblico presente, molto numeroso.

A seguire, il 20 dicembre, in un teatro gremito di gente, si sono esibiti:
il fantastico gruppo giovanile della classe di “Musica d’insieme” della Scuola Comunale di Musica diretto da Giovanni Neri;
la bravissima Banda Comunale città di Acquapendente-Torre Alfina diretta da Riccardo Bredi (con la partecipazione dei ragazzi del Corso Comunale di “Banda junior”) e le graziose Majorettes città di Acquapendente preparate da Clara Mencuccini che, ancora una volta, hanno saputo sorprenderci con la loro bravura!

A conclusione, chiusura in bellezza nella terza giornata di ieri:
il coro Vox Antiqua della scuola Comunale di Musica di Acquapendente, unito al coro SS.Salvatore di Bolsena, diretti entrambi da Loretta Pucci, si sono esibiti in un mix di canti e poesia eseguiti magistralmente e con vera passione.

Complimenti a tutti da parte dell’Amministrazione Comunale .

Al Museo della Città la cultura non va in vacanza

La cultura non va in vacanza, ma arricchisce le giornate di festa.
Mostre di arte contemporanea e reinterpretazioni artistiche della realtà, arricchisco le sale dei palazzi storici aquesiani.
Tour guidati nelle carceri con degustazioni a tema, passeggiate nel centro storico tra mercatini e luci di Natale.

Prendete nota degli appuntamenti a calendario e delle aperture straordinarie del Museo della città civico e diocesano di Acquapendente fino al 6 gennaio.

Durante i mesi di dicembre e gennaio, le tre sedi del Museo della città seguiranno il seguente orario:

Sede Palazzo Vescovile – Via Roma 85: sabato e domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00, escluso il giorno di Natale e il giorno di Capodanno

Sede Pinacoteca – Chiostro di San Francesco: 31 dicembre e 6 gennaio dalle 10.00 alle 13.00

Sede Torre Julia de Jacopo: dal martedì alla domenica: 9.00 – 13.00; sabato: 9.00 -13.00 e 16.00 – 19.00

Un biglietto unico ad €7 per tutte le sedi e la visita alle mostre, oppure scegli la sede museale che preferisci visitare consultando il calendario degli appuntamenti.

24 dicembre – Divertirsi Riciclando, Lavoretti di Natale per bambini – 10.00 – 12.00 e si ripete 15.00 – 17.00

COSTO: euro 5

26 dicembre – Testimonianze del passato: parlano le Carceri – 10.00 – 12.00 e si ripete 15.00 – 17.00

COSTO: euro 5

In un giorno di festa scenderemo nel sottosuolo del Palazzo Vescovile, dove i condannati scontavano le loro pene, o aspettavano l´ultima sentenza.
Con graffiti incisi sulle pareti, le reali testimonianze passate faranno eco per scoprire i pensieri dei prigionieri, le lunghe attese al buio e i misteri dei tribunali del clero.

29 dicembre – Degustando di notte nelle carceri – 19.00 – 23.00

COSTO: euro 10

Drink e degustazione nei suggestivi spazi delle prigioni rinascimentali, un’atmosfera particolare, un modo per sorseggiare un buon aroma osservando i temi di un trascorso storico, un anticipo al nuovo anno che sta per arrivare e un cenno di cultura in queste serate di festa.

6 gennaio – Percorso itinerante … da Porta della Ripa a Porta Romana – ORARIO: 10.30 – 15.30

COSTO: euro 10, comprensivo del biglietto d’ingresso alle tre sedi museali

Un piccolo presepe con fermate nella tappe principali del paese, il primo incontro al convento di San Francesco, dove è una sede del polo museale, la Pinacoteca, un tempo luogo di accoglienza e di sosta per i stanchi passeggeri, che come i re Magi riposavano lungo il cammino.
A metà sentiero il secondo incontro, la sede principale, il Palazzo Vescovile, tra Rinascimento e settecentesche architetture offre i suoi contenuti e le mostre esposte.
All’arrivo, la Torre, ultima delle 3 sedi, apriva e chiudeva l´uscio allo Stato Pontificio, oggi maestra di maiolica arcaica depone i suoi reperti conventuali nelle spaziose sale.

MOSTRE IN CORSO FINO AL 31 DICEMBRE

Presso la sede museale del Palazzo Vescovile, sarà possibile ancora visitare la mostra tematica con opere a Spatola Stratigrafica “Cromosintesi” del M° Mario Salvo, esposta nelle sale museali del Palazzo Vescovile.
Cromosintesi non è solo un titolo di un progetto espositivo itinerante, ma è appunto il culmine, l’esito finale cui giunge Mario Salvo dopo moltissimi anni di esposizioni, ricerche e studi.

Presso le tre sedi museali (Palazzo Vescovile, Pinacoteca San Francesco, Torre Julia de Jacopo), è invece visitabile la mostra “Sindrome di Stendhal” con opere di arte contemporanea realizzate da Tommaso Cascella, Lidia Bachis e Chiara Tommasi.
Dal turbamento di Stendhal per invitare gli artisti a confrontarsi con l’arte antica presente in museo.

MUSEO DELLA CITTA’ – PINACOTECA

La sede centrale del Museo della città trova spazio presso le ampie sale dell’ex Palazzo Vescovile dove è possibile ammirare le raccolte d’arte sacra diocesana provenienti dalla cattedrale e dalle altre chiese di Acquapendente e numerosi reperti ceramici, dal medioevo ai nostri giorni. La sede centrale ospita una nuova sezione interamente dedicata alla Via Francigena con una specifica attenzione alla storica vocazione della città e del territorio come centro di frontiera culturale.

COME PRENOTARE E AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

Per prenotare le visite guidate telefonare alla Coop L’Ape Regina allo 0763-730065 oppure 388-8568841 entro il giorno prima dell’evento. Per ulteriori informazioni potete mandare un email a eventi@laperegina.it

incunabula

Esce il terzo numero di Incunabula, rivista di studi locali: il 14 dicembre presentazione presso la Biblioteca Comunale

Sabato 14 dicembre alle ore 16,30 presso la Biblioteca Comunale un appuntamento culturale da non mancare.

Siamo lieti di presentare il terzo numero di Incunabula, che conferma l’impegno del Sistema Bibliotecario “Lago di Bolsena” a favore di studi e nuove ricerche d’archivio su questo nostro territorio dell’Alto Lazio, con aperture verso le zone confinanti della Toscana e dell’Umbria, per incrementare sempre più le riserve di quel granaio di conoscenze che sono le biblioteche.

In questo terzo numero, come nei precedenti, gli articoli contribuiscono a divulgare diversi aspetti del nostro ricco patrimonio culturale, allo stesso tempo valorizzandolo attraverso gli studi.

L’ambito cronologico è molto ampio e spazia dall’età romana alla contemporaneità; così come ampia è l’area geografica di riferimento, non più limitata ai centri intorno al lago di Bolsena, ma estesa al sud della Toscana e all’Umbria meridionale. Gli argomenti trattati dai dodici saggi presentano frammenti di storia della Chiesa locale e della religiosità, illustrano tradizioni, culti e devozioni, danno notizie relative all’archeologia e alla storia dell’arte, e ricostruiscono profili di personaggi che hanno lasciato un segno nella storia, distinguendosi per il loro modello di vita religiosa, per il loro impegno civile e per la loro attività professionale. Inoltre, si parla anche di Francigena, il grande itinerario culturale che ha avuto un ruolo significativo per lo sviluppo di gran parte di questo territorio e oggi continua ad averlo anche sotto il profilo turistico.

In conclusione, non è così scontato che una rivista esca con cadenza annuale; noi finora ci siamo riusciti in primo luogo grazie al finanziamento dalla Regione Lazio, alla quale va il nostro più sentito riconoscimento, in secondo luogo grazie alla collaborazione entusiasta di studiosi locali che hanno aderito a questa iniziativa editoriale e hanno sempre prontamente inviato i risultati delle loro ricerche.

Biblioteca Comunale di Acquapendente

CROMOSINTESI, la mostra di Mario Salvo aperta fino al 31 dicembre al Museo della Città

Il 9 novembre è stata inaugurata al Museo della Città, Civico e Diocesano, la personale del Maestro di spatola Mario Salvo, alla presenza dell’artista, del direttore del Museo Andrea Alessi e dell’architetto Renzo Chiovelli.
Per l’Amministrazione Comunale era presente l’assessore Valeria Zannoni.

L’esposizione, che rappresenta il culmine della sua ricerca personale, celebra il colore nella sua intensità e nella sua corposità, dando il giusto rilievo alla spatola, strumento difficile da utilizzare ma estremamente versatile nelle mani dell’artista esperto.

La mostra sarà visibile sino al 31 dicembre.

L’artista inoltre si è reso disponibile per dei laboratori aperti con le scuole del territorio, per avvicinare i giovani a questa tecnica pittorica poco conosciuta ma di grande effetto e molto affascinante.

 Per informazioni: Coop L’Ape Regina 0763-730065 – 388.8568841
eventi@laperegina.it 

Slow Film Fest 5.0: dal 25 al 27 ottobre ad Acquapendente

Ultima tappa dello Slow Film Fest 5.0. Dopo Roma e Antrodoco, lo Slow Film Fest è pronto a sbarcare ad Acquapendente.

Appuntamento dal 25 al 27 ottobre al Cinema Olympia con la quinta edizione della prima kermesse interamente dedicata ad una visione cinematografica “slow”. Un evento che punta all’aggregazione e al confronto, non ad una semplice visione passiva, ad un “rallentamento” che è alla base del ritrovarsi e dell’incontro. Al centro della manifestazione, organizzata da Maria Luisa Celani e Susanna Stivali per l’Associazione Culturale Muovileidee e diretta da Maria Luisa Celani (con la collaborazione alla programmazione di Florencia Santucho, Ilaria Iovine e Cristina Borsatti), le immagini (proiezioni di documentari e cortometraggi) e i temi, ma anche passeggiate tra storia e cultura, escursioni, degustazioni, incontri e matinée con le scuole.

Quanto ai temi, il principale protagonista sarà l’ambiente. I cambiamenti climatici e la sostenibilità ambientale, soprattutto grazie alla proiezione di “Youth Unstoppable”, una straordinaria fotografia della nascita dei movimenti giovanili mondiali ambientalisti.

Realizzato dalla giovane regista esordiente Slater Jewell-Kemker, che all’età di soli 15 anni ha iniziato a partecipare ai summit ambientali con la sua macchina fotografica in mano, il pluripremiato documentario “Youth Unstoppable”, racconta un movimento giovanile mondiale in gran parte sconosciuto e incompreso (il Globe Youth Climate Movement). Un documentario di strettissima attualità che mette in primo piano le nuove generazioni, che reclamano soluzioni immediate e decisive per combattere il cambiamento climatico. Un reportage, intimo e appassionato, una testimonianza diretta della crescita di un movimento senza precedenti, un ritratto coinvolgente che racconta la lotta e le strategie di una gioventù consapevole del poco tempo a disposizione, dell’eredità di politiche economiche dannose, dettate dall’interesse di pochi, e che non è affatto disposta ad assistere nella frustrazione alla deriva del proprio futuro.

Immagini di un pianeta in crisi si alternano alle voci di giovani provenienti da tutto il mondo che si battono per un futuro verde e sostenibile, troppo giovani per poter votare, vittime di un mondo plasmato da decisioni prese da altri.

Occasione per coinvolgere i ragazzi dell’ Istituto Omnicomprensivo Leonardo Da Vinci di Acquapendente in un progetto intitolato Instant: il mio territorio e dedicato all’ambiente. Gli studenti e le studentesse coinvolte potranno realizzare una foto o un video della durata massima di 1minuto con tema ambientale. I lavori saranno raccolti nel mese di dicembre 2019 per essere visionati e montati in un unico video che sarà pubblicato on-line sul canale YouTube del festival e presentato all’interno delle scuole.

Dedicato al medesimo tema anche il documentario “Veleno – “Non potevo fare finta di niente”: la vittoria di Michele Liguori”, opera prima della napoletana Rosaria Della Ragione, documentario prodotto dalla CGIL Campania e dedicato a Michele Liguori, tenente dei Vigili Urbani di Acerra, riconosciuto vittima del dovere ed Eroe della Terra dei Fuochi.

Un omaggio, ma anche un film di denuncia, a cui la giovane regista di Bacoli (in provincia di Napoli) aggiunge il cuore, perché la storia che sta raccontando e la terra che sta filmando sono parte anche della sua vita.

E se “Anche i pesci piangono” di Francesco Cabras e Alberto Molinari è un ritratto avvincente su come sia ancora possibile tutelare gli ambienti marini e le risorse umane dipendenti da esso, “La finestra sul porcile” di Salvo Manzone ci porta a Palermo e in un’altra discarica abusiva, per compiere un’indagine sull’emergenza rifiuti e sui meccanismi della raccolta differenziata nel territorio. Una profonda riflessione sul nostro rapporto con le cose, diventate oggetti di consumo, e sull’accumulo della produzione di spazzatura come risultato delle nostre azioni, oltre che della cattiva gestione.

Il 26 ottobre, è prevista una tavola rotonda dal titolo L’agricoltura sociale, quando la terra è solidale, a cura di Legacoop Lazio. Interverranno Massimo Pelosi, Responsabile Lazio Nord di Legacoop Lazio, Ilaria Signoriello, Forum Nazionale Agricoltura Sociale, Luigia Melaragni, Presidente Gal Alto Lazio, Alberto Caldarelli, Direttore Gal Alto Lazio. Durante l’incontro sarà proiettato il corto “Questo è lavoro” diretto da Federico Caponero e prodotto dal Consorzio Parsival. Una storia che racconta il mondo cooperativo.

Sono tante le donne dietro la macchina da presa in questa quinta edizione dello Slow Film Fest, che dedica un’intera sezione (Wuman Visions) a quei documentari e quei cortometraggi d’animazione, di produzione nazionale e internazionale, che affrontano l’importante tematica della parità di genere.

Al Cinema Olympia, dove avranno luogo incontri e proiezioni, verranno proiettati anche il pluripremiato cortometraggio colombiano “Naranja” di Hanna Isua e il lavoro collettivo “En Boca di Todas”, entrambi dedicati ai temi della violenza contro le donne e all’uguaglianza di genere.

A conclusione della kermesse, domenica 27 ottobre, l’appuntamento è con la scoperta del territorio, attraverso una passeggiata, a cura della Coop Laperegina. La prenotazione è obbligatoria (scrivendo a info@muovileidee.it) e il titolo dell’iniziativa è Passeggiata nel bosco del Sasseto. Occasione per andare alla scoperta del Bosco Monumentale del Sasseto ai piedi del Castello di Torre Alfina.

Slow Film Fest è interamente a partecipazione gratuita, grazie al contributo della Regione Lazio, al sostegno della Fondazione Cinema per Roma, City Fest, Cna Roma, i Patrocini di Legacoop Lazio, del Comune di Acquapendente, del Comune di Antrodoco e alle tante preziose collaborazioni a partire da quelle con l’Accademia di Cinema e Televisione Griffith di Roma e con il Cisterna Film Festival.

Questo il programma nel dettaglio:

25/10 CINEMA OLYMPIA ore 10
SEZIONE MATINEE
proiezione documentario YOUTH UNSTOPPABLE di Slater Jewell-Kemker e lancio iniziativa Instant: il mio territorio che prevede il coinvolgimento degli studenti e delle studentesse dell’Istituto onnicomprensivo Leonardo Da Vinci di Acquapendente (Liceo scientifico e Istituto tecnico).

Instant: il mio territorio, gli studenti e le studentesse coinvolte potranno realizzare una foto o un video della durata massima di 1minuto con tema ambientale. I lavori saranno raccolti nel mese di dicembre 2019 per essere visionati e montati in un’unica video che sarà pubblicato on-line sul canale YouTube del festival e presentato all’interno delle scuole.

ore 18:30
proiezioni
SEZIONE WUMAN VISION

NARANJA di Hanna Isua – cortometraggio di animazione 4’42”

EN BOCA DI TODAS Lavoro Collettivo – cortometraggio di animazione 4’28”

ore 19
SEZIONE SMART
BREAK di Riccardo Pavone cortometraggio di animazione 2’45”

SEZIONE DOCUMENTA
ANCHE I PESCI PIANGONO di F. Cabras & A. Molinari – documentario 33’

26/10 CINEMA OLYMPIA ore 17
TAVOLA ROTONDA
L’agricoltura sociale, quando la terra è solidale

ore 18:30
SEZIONE DOCUMENTA
in collaborazione con l’Accademia di Cinema e Televisione Griffith
VELENO di Rosaria Della Ragione – documentario 15’

ore 19
SEZIONE DOCUMENTA
LA FINESTRA SUL PORCILE di Salvo Manzone – documentario 68’

27/10 PASSEGGIATA a cura della Coop Laperegina
ore 10:30 (durata della passeggiata massimo 1h30min.)

PASSEGGIATA NEL BOSCO DEL SASSETO
Il Bosco monumentale del Sasseto ai piedi del Castello di Torre Alfina offre ai suoi visitatori un’atmosfera unica e quasi incantata, con i suoi sentieri estesi tra massi e rocce di tutte le dimensioni ed i suoi maestosi alberi secolari. Questa simbiosi tra natura e geologia fa del Sasseto un luogo magico, un bosco da rispettare e conservare per le future generazioni. Prenotazione obbligatoria scrivendo a info@muovileidee.it.

Il 20 settembre riapre il Cinema Olympia, “plastic free” e con una ricca programmazione

Non sappiamo se il Cinema di Acquapendente sia in Italia la prima sala cinematografica “plastic free”, ma di sicuro ce ne sono poche.

Non saranno più in vendita bevande con confezioni in plastica

Rimarranno per ora alcune “merendine” con involucri in materiale sintetico, in attesa di trovare nuove soluzioni, ma ci sarà fin da subito un abbattimento dei rifiuti in plastica superiore all’80%.

L’acqua, che prima veniva venduta in bottiglie di plastica al prezzo di un’euro, sarà distribuita gratuitamente con bicchieri di carta da appositi erogatori forniti di filtri per le sostanze inquinanti.
Altre bevande saranno vendute con confezioni in alluminio, materiale più facilmente riciclabile e più affidabile perché non rilascia sostanze nei liquidi.

La cooperativa L’Ape Regina, che gestisce il cinema, ha fatto questa scelta, penalizzante da un punto di vista economico ma coerente rispetto al tema della sostenibilità ambientale della sua attività. 

“Ci auguriamo che sia di esempio anche per altri esercenti ed è comunque un’azione di educazione ambientale dei nostri utenti e più in generale per la cittadinanza” – afferma Emiliano Barberini, responsabile della gestione della struttura – “con il tempo ci prefiggiamo l’obiettivo di raggiungere il 100% plastic free”.

Novità importanti anche per ciò che riguarda la programmazione cinematografica, che, dopo la pausa estiva, riprenderà venerdì 20 settembre e che sarà più variegata, venendo incontro a determinati tipi di pubblico.

Il mercoledì saranno proiettati documentari e corti di qualità, mentre il giovedì saranno proposti i grandi classici, i film “cult” della storia del cinema, ad un prezzo di ingresso di soli 3 euro.

Dal venerdì al lunedì la programmazione normale, più di tipo commerciale, con una priezione riservata ai cartoni animati la domenica pomeriggio, a beneficio dei più piccoli e delle loro famiglie.

Martedì giornata di riposo.

L’intenzione è quella di fare del Cinema Olympia un luogo di cultura che si rivolge a tutti.
Per una piccola cittadina come Acquapendente e per il territorio vicino è una bella scommessa.
Ci auguriamo che sia premiata dal pubblico.

Entro il 10 ottobre domande per il Servizio Civile

Il Comune di Acquapendente, attraverso una convenzione con l’ARCI, dà la possibilità ad alcuni giovani di fare l’esperienza del Servizio Civile.

ACQUAPENDENTE SOLIDARIA è il nostro progetto, che prevede l’impiego di quattro operatori, senza vitto e alloggio, perciò adatto a persone del luogo o del territorio circostante.

Tre di questi operatori saranno impegnati in attività di servizio sociale, uno sarà di aiuto alle attività della Biblioteca comunale.

Il servizio dura un anno e si prevede un’attività con un minimo di 20 e con un massimo di 36 ore settimanali, con 20 giorni di permesso retribuito.
Il servizio si configura come attività di volontariato con una retribuzione mensile di 439,50 euro.

Possono fare domanda i giovani, senza distinzione di sesso, che abbiano compiuto i 18 e non superato i 28 anni di età.

I ragazzi possono fare la domanda entro il 10 ottobre alle ore 14.00 attraverso l’apposita piattaforma online e dovranno avere lo SPID di secondo livello.

Qui le informazioni su come ottenere e utilizzare le credenziali SPID.

A questa pagina l’elenco dei progetti attivati nel Lazio, all’interno del quale bisogna cercare il riquadro  ACQUAPENDENTE SOLIDARIA e da lì cliccare sul bottone “Fai domanda”.

Nello stesso riquadro sono riportati i link per scaricare la Scheda con gli elementi essenziali del progetto e l’indicazione delle sedi di attuazione con i relativi codici.

I candidati dovranno predisporre, come indicato negli allegati alla domanda di partecipazione, il proprio curriculum vitae, evidenziando in esso eventuali pregresse esperienze nel settore.

Scaduto il termine per le domande si avvierà la selezione per scegliere i quattro operatori, i quali dovranno frequentare un breve corso di formazione orientato ad un loro corretto impiego.

Per chiedere informazioni o avere assistenza ci si può rivolgere allo Sportello Europa del Comune di Acquapendente (Corinna – 0763 7309234) o all’ARCI Servizio Civile di Viterbo ( viterbo@ascmail.it – 0761 321860).


Il Crocifisso dimenticato e la restituzione alla Comunità parrocchiale di Trevinano

Al centro dell’altare della chiesa parrocchiale di Trevinano, sotto il grande dipinto di San Lorenzo Martire devoto della Vergine Maria, da tempo immemorabile vi era un Crocifisso. 

Nel tempo, dopo i primi segni di deterioramento dovuti allo stato di conservazione e dall’uso nelle processioni, il Crocifisso fu tolto dalla sua collocazione e sostituito con un tabernacolo, per essere posizionato sul lato destro della tavola liturgica. 

Ad ogni ulteriore degrado dello stato di conservazione, il Crocifisso è stato spostato in chiesa in posizioni sempre più defilate per essere poi posto su una parete della sacrestia; ritenuto probabilmente di non particolare pregio artistico e storico, è rimasto per questo nascosto alla vista dei più, e quasi dimenticato. 

Recentemente, per iniziativa e volontà di un benefattore abitante nel paese, è stato completato il recupero di questa prestigiosa opera della fine del ‘700, affidato alle competenze ed esperienze della D.ssa Tiziana Dell’Omo che ha studiato la manifattura lignea e cromatica per procedere poi ad un restauro di grande prestigio e notevole qualità. 

Dopo le prime analisi è emerso che il Crocifisso non è stato realizzato, come supposto, in tempi recenti con il gesso, ma è in legno policromo di autore ignoto a cavallo tra il XVIII – IX secolo. 

Presentava un pessimo stato conservativo con numerose problematiche riconducibili alla mancata opera di manutenzione nel corso degli anni e al naturale processo di degrado dei materiali costitutivi.

La restituzione di questo Crocifisso alla devozione dei Trevinanesi ha un alto significato spirituale, oltre che un valore per il recupero artistico di un’opera antica. 

Per volontà del parroco Don Enrico, il Crocifisso non sarà posizionato in sagrestia, ma già collocato sulla sinistra dell’altare, per il culto dei fedeli e sarà formalmente restituito domenica 11 agosto alle ore 21,00 , nella chiesa parrocchiale di Trevinano.
Nel corso di questa presentazione, la D.ssa Dell’Omo illustrerà le fasi e modalità di restauro con proiezione di immagini; al termine vi sarà un’Elevazione Spirituale con musiche di Johann Sebastian Bach e Domenico Paradisi: all’organo il Maestro Angelo Silvio Rosati.